Storie di persone e tradizioni

Storie di persone e tradizioni

Storie, persone, tradizioni: sono i tre elementi fondanti della rubrica e, in questo terzo appuntamento, sarà la tradizione a fare da protagonista, mantenuta in vita, coltivata e valorizzata da ragazzi giovani e pieni di passione. Dopo aver raccontato la storia di Valentina, 22 anni, che lavora nell’azienda di famiglia e produce latte di pecora, infatti, restiamo nella provincia cuneese per parlarvi di un altro giovane ragazzo, il venticinquenne Andrea, che nella sua Savigliano produce latte di capra.

Andrea, perché hai scelto questo mestiere?

«In realtà, ho sempre avuto questa passione e, prima di mettermi in proprio, mi occupavo di vacche da latte assieme a mio padre e mio zio. Quando mio padre è andato in pensione, però, nel settembre del 2017 ho deciso di avviare un’attività tutta mia e di specializzarmi nella mungitura delle capre».

Come mai questa decisione?

«Sono abituato alla presenza di questo animale fin da piccolo. Oltre ad avere animali di ogni genere come tacchini, conigli e vacche da latte, davanti casa abbiamo sempre tenuto un piccolo recinto con all’interno alcune capre. Un po’ di tempo fa, poi, ho cominciato ad andare da un mio amico che aveva già un piccolo allevamento di capre a Savigliano, soprattutto la domenica, per mungerle. Questo mi ha fatto appassionare ancora di più e mi ha convinto a prendere questa strada, oltre al fatto che sono certamente meno impegnative delle vacche e sono anche più pulite e affettuose!».

Capre al pascolo!

Una bella storia e quantomeno inusuale per un giovane della tua età: quanti anni hai?

«Compirò 26 anni ad ottobre ma, in realtà, oltre a mio padre che ogni tanto mi dà una mano, c’è una persona che è ancora più giovane di me: mio fratello Emanuele! Ha solo 18 anni e, non appena terminate le scuole superiori, ha intenzione di cominciare a lavorare insieme a me».

Bene Andrea, ora raccontaci la tua giornata tipo.

«Solitamente mi alzo intorno alle 5.30-6.00 e, come prima cosa, faccio subito un sopralluogo in stalla per controllare che sia tutto a posto e che le capre e i capretti stiano bene, oltre a dare un’occhiata generale alla stalla e accertarmi che non ci siano guasti o cose simili. Anche se la stalla è nuova, infatti, può capitare di dover fare qualche riparazione, ad esempio ad un tubo dell’acqua. Subito dopo, preparo la mungitrice a 24 poste e comincio con la mungitura: si tratta di un lavoro abbastanza veloce, che non mi occupa circa venti minuti. Dopo, c’è solo da pulire la mungitrice e controllare che le capre abbiano mangiato la loro razione di cibo».

Prima di proseguire, toglici una curiosità: di che razza sono le tue capre?

«Per ora, ho un totale di 40 capre per la mungitura, 24 camosciate e le altre Saanen, una razza tipica svizzera. Ne ho poi altre che al momento sono ancora piccole ma che dovrebbero essere pronte già per la mungitura di quest’anno. Sostanzialmente, la differenza tra le due razze sta nel fatto che le Saanen, essendo molto grandi, hanno una abbondante produzione di latte; le camosciate, poi, sono note per l’alta qualità del latte: in questo modo possiamo sempre garantire una produzione di alto livello».

Ora che ci hai illustrato in maniera esaustiva il tuo lavoro, parliamo del tuo rapporto con Beppino Occelli: quando è cominciato e cosa lo ha convinto a sceglierti?

«È cominciato tutto alla fine dell’estate 2017, quando la costruzione della stalla era ancora in fase di ultimazione. Beppino è rimasto molto contento della struttura, una stalla moderna, alta, molto luminosa e un ambiente creato in modo che gli animali possano entrare e uscire dalla stalla a loro piacimento. Inoltre, abbiamo anche un impianto di mungitura molto avanzato tecnologicamente che ci permette di preservare al massimo la qualità del nostro latte».

Ecco quindi un altro esempio dell’attenzione che Beppino Occelli dedica ai suoi formaggi, dando importanza ad ogni singolo passaggio, a partire dalla scelta della materia prima, con l’unico obiettivo di offrire sempre prodotti non solo buoni, ma anche di qualità.

Uno dei formaggi Occelli prodotti con il latte di capra: il Verzin!

BEPPINO OCCELLI AGRINATURA S.r.l.

Regione Scarrone, 2 - 12060 Farigliano (CN) - Italy - Tel: +39 0173 746411 - Fax: +39 0173 746495
ufficiostampa@occelli.it - P.IVA: IT02736140043 - CF 02736140043 - REA 231956 - Reg. Imp. 02736140043 di Cuneo - Cap.soc. € 500.000,00 I.V.