Intervista a Beppino Occelli!

Intervista a Beppino Occelli!

“Artigiano visionario, Beppino ha sempre investito nella ricerca per garantire una qualità altissima dei prodotti e nel mondo dei formaggi per lui non ci sono più segreti. Ogni abbinamento e gli strumenti sono appositamente studiati per mantenere l’eccellenza.”

Ecco la figura di Beppino Occelli spiegata in poche ma significative righe, in un articolo dedicato a lui e ai suoi formaggi e che potete trovare in “Retrobottega”, il blog ufficiale del Mercato Centrale di Torino.

Qui, Beppino racconta alcuni aneddoti interessanti derivanti dalla sua lunga esperienza, come quello che svela la nascita del nome “cusiè”:

«Angela, una signora a cui portavo il latte, si era portata da casa degli stampini per fare la tuma ma le avanzava sempre del latte, che metteva da parte in un altro bidone. Alla fine della settimana, quando il latte era già inacidito e quasi cagliava per conto suo, lo ha messo sulla stufa e ha fatto un tomone. Dopo averlo messo sull’asse sapeva di aglio e tartufo e le ho chiesto come mai. In 10 giorni aveva preso l’odore e il sapore di tutto ciò che aveva intorno. Quando ho chiesto la ricetta, Angela mi ha risposto “gli metto quello che c’è” e allora ho deciso di chiamarlo cusiè. Tutte queste persone mi hanno insegnato moltissimo, sarò sempre riconoscente, mi porto dietro delle storie bellissime».

Ma cosa trova chi si ferma nella bottega “Il burro e i formaggi – dalle Langhe agli Alpeggi” al Mercato Centrale Torino?

Chiunque si fermi nell’angolo del gusto di Beppino potrà trovare le sue migliori creazioni, alcuni formaggi nati oltre vent’anni fa ma attualissimi per gusto e qualità, senza dimenticare il suo pluripremiato e apprezzato in tutto il mondo cavallo di battaglia, il burro. Quali caratteristiche deve avere secondo il suo inventore?

«Tra le caratteristiche che cerco c’è la spalmabilità e poi c’è la lucentezza. Quando si taglia, il burro non deve essere opaco e triste, deve sembrare che abbia dei diamantini dentro».

Beppino si è poi dichiarato più che soddisfatto dell’affluenza durante la giornata di inaugurazione del Mercato Centrale e nei giorni seguenti, che evidenzia come la gente sia sempre più attenta alla qualità dei prodotti che consuma e, di conseguenza, all’intera filiera di produzione.

Ma chi è, veramente, Beppino Occelli?

«[…] Nella mia azienda io sono il “pensante”, faccio il poeta: individuo tutte le necessità e le interpretazioni possibili. Il pensare è determinante ma è indispensabile la curiosità. A quella abbino il pensiero, deve esserci qualcosa che mi incuriosisce, che mi fa scattare le molle».

BEPPINO OCCELLI AGRINATURA S.r.l.

Regione Scarrone, 2 - 12060 Farigliano (CN) - Italy - Tel: +39 0173 746411 - Fax: +39 0173 746495
ufficiostampa@occelli.it - P.IVA: IT02736140043 - CF 02736140043 - REA 231956 - Reg. Imp. 02736140043 di Cuneo - Cap.soc. € 500.000,00 I.V.